Ultima modifica: 4 luglio 2016

Autovalutazione Istituto

image_pdfimage_print

Ogni Dirigente scolastico, in stretta collaborazione con il Nucleo di autovalutazione e con la partecipazione della Comunità professionale, è chiamato a redigere un RA leggero, facilmente compilabile, grazie alle informazioni e i dati messi a sua disposizione, che sia agevolmente consultabile e leggibile da parte degli stakeholder. È importante che il RA abbia un format comune e che vengano utilizzati i dati della scuola confrontabili con valori di riferimento (benchmark). Il rapporto sarà in formato elettronico.
I principali riferimenti per l’elaborazione del RA sono:
1.Scuola in chiaro
2.Dati prove Invalsi
3.Questionario scuola
4.Dati e informazioni strutturate disponibili nella scuola fra cui quelle ricavate tramite strumenti di autovalutazione.
È importante che la scuola non veda nel rapporto un ulteriore adempimento burocratico bensì la possibilità di ridare un ordine logico alle informazioni e ai documenti già in suo possesso o facilmente reperibili. Il RA deve risultare leggero e in definitiva si compone di solo 2 parti:
1.Analisi della situazione
2.Obiettivi di miglioramento
In sostanza nella prima parte si chiede al dirigente di selezionare una serie di informazioni e di dati per leggere la propria situazione e per definire, nella seconda parte, gli obiettivi di miglioramento.